Breaking the Mold di Astier de Villatte

La storia della ceramica racconta la storia di una continua caccia alla perfezione. Alchimisti, artigiani e, in seguito, chimici hanno trascorso mille anni alla ricerca di una trama sempre più setosa, una forma più fine, nonché una maggiore traslucenza e durata. Il ritorno di Marco Polo dalla Cina nel 1295 introdusse la porcellana, la forma più squisita di ceramica, in Europa e scatenò una corsa frenetica per riprodurre “l'oro bianco”. La frenetica ricerca terminò quattro lunghi secoli dopo, quando un alchimista tedesco di nome Böttger, tenuto in ostaggio dal suo re dipendente dalla porcellana, trovò finalmente la formula insieme a un collega e iniziò la produzione di porcellana nella città di Meissen. Quindi, con l'aiuto di scienziati del ventesimo secolo, la ceramica fu portata nell'era tecnologica. Il materiale è stato utilizzato come rivestimento resistente al calore sullo Space Shuttle e aiuta a alimentare computer e tecnologie in tutto il mondo tramite microchip, il cui ingrediente principale ha ispirato il nome di una certa valle fuori San Francisco.

Fu quindi una leggera sorpresa quando Ivan Pericoli, metà del duo dietro lo squisito produttore parigino di ceramiche Astier de Villatte, spiegò che lui e il suo partner Benoît Astier de Villatte non erano affatto interessati alla perfezione - almeno non il tipo di perfezione moderna a cui ci siamo abituati.

Fu alla prestigiosa École des Beaux-Arts di Parigi che i due designer si incontrarono, studiarono e svilupparono un approccio laissez-faire al design. Oppure, come riassume Ivan, "come mantenere viva la tua opera d'arte e non ucciderla facendo troppo". Sottolinea che nel diciannovesimo secolo, gli artigiani, guidati, in parte, dalla concorrenza della produzione meccanica, sono diventati così esperti che i loro prodotti fatti a mano non potevano essere distinti dalle merci fatte a macchina. Per Benoît e Ivan, ciò rappresenta un'occasione mancata. "Se fai qualcosa a mano, non solo non otterrai mai due pezzi uguali, ma comunichi anche all'essere umano che lo sta realizzando", spiega Benoît. L'unicità - o imperfezione, secondo gli standard industriali - "comunica qualcosa sulla vita e sulla vita dell'oggetto stesso".

 Non c'è traccia di una catena di montaggio nel laboratorio di ceramiche di Astier de Villatte, dove vengono realizzate le loro stravaganti ceramiche incolori, non prodotte. Ogni pezzo di stoviglie - i piatti evitano i cerchi perfetti per gli astuti traballanti e le teiere appaiono deliziosamente fuori fuoco - è interamente realizzato a mano da un singolo artigiano nel laboratorio di Astier de Villatte (uno immagina Adam Smith, il sommo sacerdote dell'economia classica, che si trasforma in la sua fredda tomba scozzese di fronte a un così ostinato disinteresse francese per la divisione del lavoro). Ma non finisce lì. "Astier de Villatte", afferma Ivan, con un certo orgoglio, "è iniziato come una sciocchezza economica". Contro il parere di tutti coloro che li circondano, Benoît e Ivan hanno insistito per aprire il loro laboratorio nel cuore di Parigi invece che negli hinterland meno costosi fuori dalla capitale, all'estero o persino nei tradizionali centri di ceramica francesi, Limoges e Rouen. Doveva essere Parigi; la città è fondamentale per il loro processo e una fonte di ispirazione leggermente fantastica, afferma Ivan. “Parigi è davvero una città di romanzi e cinema, una parte di Parigi è un sogno e non una realtà. È come un set, il set perfetto per creare molte cose diverse ". La coppia trascorre ogni giorno in officina (a meno che non si trovino nello splendido chalet del defunto pittore Balthus, ne parleremo più avanti nel video più avanti), situato vicino al Quartiere Asiatique ea sole quattro fermate di metropolitana dal loro negozio originale Astier in Rue Saint Honoré. Qui, sotto luci calde e luminose, oltre 16 artigiani esercitano la loro arte: la maggior parte proviene dal Tibet, dove hanno studiato nei monasteri buddisti prima di riprendere la ceramica. Ivan e Benoît sono autodescritti tibetofili (noterai i possessori di incenso tra le loro collezioni) e nel tempo loro e gli artigiani sono diventati una famiglia. Insieme, modellano l'argilla locale nelle forme più squisite usando una vecchia tecnica chiamata estampage, prima di asciugare all'aria i pezzi. Successivamente, il prodotto essiccato viene cotto nel forno, seguito da un'applicazione della tipica glassa bianca di Astier e fino a tre ulteriori cicli di cottura. Il fascino di Astier de Villatte ha molto a che fare con l'argilla che usano; è uno che Benoît e Ivan incontrano alla scuola d'arte ed è tradizionalmente usato per la scultura piuttosto che per la ceramica, portando a una finitura leggermente più ruvida. Perchè lo chiedi? La risposta ovvia: perché è bellissima. "Vogliamo realizzare cose belle che possano adattarsi a una natura morta", spiega Ivan, "invece di concentrarsi troppo sulla praticità".

Ed è esattamente quello che hanno fatto. Recati in una delle due boutique parigine o nei negozi di Manhattan (John Derian) per vedere di persona. Troverai file di splendide stoviglie bianche quasi scultoree accanto a manufatti più colorati, spesso il risultato di collaborazioni di artisti del calibro di Patch NYC e Lou Doillon. Tra le innumerevoli altre curiosità, troverai un opuscolo della loro guida personale a Parigi, la città che è al centro di tutto: "Lo scopo", dice Ivan, "è quello di creare una specie di mondo perfetto, una specie di Parigi perfetta, che non è mai esistita. Vedi, è una specie di fantasia ". Si scopre, dopo tutto si tratta di un po 'di perfezione.

Lascia un commento

I commenti dovranno essere approvati prima di essere pubblicati